Honeybush, un infuso dalle mille proprietà – Honeybush, an infusion from thousand property

FOR THE ENGLISH VERSION SCROOL DOWN

Buongiorno a tutte/i voi
eccoci ritornati con una nuova serie di articoli dedicati ai tè ed infusi, l’articolo di approfondimento di oggi è dedicato all’HONEYBUSH.

Sicuramente oscurato dal successo del Rooibos, l’Honeybush finalmente ha il successo che merita ed appare sul mercato dei tè naturali.
L’Honeybush (nome botanico “CYCLOPIA”) cresce spontaneamente in Sud Africa (come per il Rooibos) e la produzione annua è di gran lunga inferiore al Rooibos, pensate circa 300 tonnellate contro 4000 del Rooibos.
La prima catalogazione dell’Honeybush risale al 1705 da parte dei botanici inviati dalla Compagnia Olandese delle Indie Orientali la quale si era stabilita in Sud Africa e aveva fondato Città del Capo come scalo e rifornimento per le navi che andavano in Asia. Non vi è alcuna descrizione, però, sull’uso come infuso da parte delle popolazioni indigene.
Per avere le prime descrizioni sull’uso bisogna attendere l’invasione degli Inglesi, i quali diffondono le conoscenze del Sud Africa sia in Inghilterra che negli Stati Uniti. Infatti una relazione del 1881 indica l’uso dell’Honeybush come un tè della Colonia del Capo del Sud Africa e ne specifica le proprietà medicamentose contro la tosse e altri sintomi delle vie respiratorie associati alle infezioni.
L’arbusto dell’Honeybush è facilmente riconoscibile, lo si vede bene nella foto, il fusto è legnoso con attaccate delle foglie sottili e dei fiori giallo brillante che profumano di miele (da qui il nome “Honey”).
Le parti che si utilizzano per la produzione dell’Honeybush sono le foglie ed i fiori che successivamente vengono lavorati fino ad ottenere il prodotto finale, in pratica vengono tagliati, ossidati e asciugati.
Gli arbusti vengono tagliati alla base per consentire successivamente una migliore raccolta e pensate che gli arbusti migliori sono quelli che crescono in zone soggette ad incendi, infatti questi arbusti presentano foglie e fiori più grandi e la qualità sembra essere superiore.
Le proprietà dell’Honeybush (valgono anche per il Rooibos) sono sorprendenti, vediamone alcune:

La teina ( o caffeina ) non è presente ed il contenuto di tannini è molto basso.

Ha un effetto calmante e rilassante, è utile per chi soffre di mal di testa, irritabilità, insonnia e depressione.

E’ efficace contro i crampi allo stomaco, i bambini possono prendere tranquillamente un infuso di Honeybush perchè è naturale e non contiene nessun colorante o conservante, si è dimostrato efficace anche in coloro che soffrono di ulcere o bruciori di stomaco.

Rinforza le difese immunitarie, aiuta ad abbassare il livello di colesterolo e ad abbassare il livello di zuccheri, quindi utile per i diabetici.

E’ ricco di antiossidanti utili contro i radicali liberi e l’invecchiamento.

E’ utile nel trattamento dei sintomi della menopausa grazie al contenuto degli isoflavoni.

E’ utile contro l’osteoporosi (grazie al contenuto di calcio) e alla ritenzione idrica, è diuretico e depurativo.

Come per il Rooibos, anche l’Honeybush è ricco di minerali.

Insomma le proprietà benefiche di entrambi gli infusi sono eccellenti, quindi quale scegliere ?
Proviamo a dare qualche dato utile sul contenuto di alcuni minerali presenti in entrambi gli infusi, la tabella che segue prende in considerazione il contenuto espresso in milligrammi per 1 litro di infuso:

Boro             Honeybush   0,2            Rooibos   0,4
Calcio                 ”             9,0                  ”         7,0
Potassio              ”             93,0                ”       58,0
Fosforo               ”             12,0                ”         2,0

Abbiamo anche cercato dati sul contenuto di antiossidanti di entrambi gli infusi, la tabella che segue è la “misura del potere antiossidante” ORAC contenuta in una tazza da 200 ml di infuso realizzato con una quantità di 2,5 grammi di prodotto per una durata di infusione di 5 minuti.

Honeybush               780,1
Rooibos rosso         1537,6

Per avere un idea del potere antiossidante di questi infusi, pensate che l’olio evo ha un valore di 180,0.

 

Buona giornata

——————————————————–

 

Good morning all of you,

Here we are back with a new series of articles devoted to the tea and infusions.

The feature article today is dedicated all’HONEYBUSH.
Definitely overshadowed by the success of Rooibos. Honeybush finally has the success which deserves and appears on the market.
The Honeybush (botanical name “Cyclopia”) grows wild in South Africa (like Rooibos) and the annual output is far less than the Rooibos, think about 300 tons against 4000 of Rooibos.
The first cataloging dates back to 1705 by botanists sent by the Dutch East India Company which had been established in South Africa and founded Cape Town as a stopover and refueling of ships which come from Asia. There is no description, however, use as a tea by indigenous peoples.
For the first descriptions on the use appear during the invasion of the British, who spread the knowledge of South Africa both in England and in the United States. In fact, a report of 1881 indicates the use dell’Honeybush as a tea of ​​the Cape Colony in South Africa and indicates its medicinal properties against coughs and other symptoms associated with respiratory infections.

The shrub of Honeybush is easily recognizable, this is evident in the picture, the stem is woody with leaves. Attached it can see bright yellow flowers that smell of honey (hence the name Honey”).
The parts that are used for the production are the leaves and flowers that are ground to obtain the final product, in practice they are cut, oxidized and dried.
The shrubs are cut at the base to allow for a better collection and then think that the shrubs are those that grow best in areas prone to fires.
The properties dell’Honeybush (also apply to the Rooibos) are amazing, let’s see some:

The theine (or caffeine) is not present and the tannin content is very low.

Have a calming and relaxing effect, it is useful for those suffering from headaches, irritability, insomnia and depression.

Is the best to heal stomach cramps. Children can take an infusion of Honeybush because it is natural and does not contain any artificial dye, it has proven effective even in those who suffer from ulcers or heartburn.

Reinforce the immune system. Helps to lower cholesterol and to lower the sugar level, therefore useful for diabetics.

And ‘rich in antioxidants useful against free radicals.

And ‘useful in the treatment of menopausal symptoms due to the content of isoflavones.

And ‘useful against osteoporosis (due to the calcium content) and water retention, it is diuretic and cleansing.

As for Rooibos, Honeybush is also rich in minerals.

In short, the beneficial properties of both teas are excellent, so which one to choose?
We try to give some useful data on the content of some minerals present in both infusions, the following table takes into account the content expressed in milligrams per 1 liter of infusion:

Boron             Honeybush   0,2            Rooibos   0,4
Calcium                ”             9,0                  ”         7,0
Potassium            ”             93,0                ”       58,0
Phosphorus         ”             12,0                ”         2,0

We also searched data on the content of antioxidants of both infusions, the following table is the measure of the antioxidant powerORAC contained in a cup of 200 ml of infusion realized with a quantity of 2.5 grams of product for a duration of infusion of 5 minutes.

Honeybush               780,1
Rooibos rosso         1537,6

To get an idea of the antioxidant power of these infusions, think the extra virgin olive oil has a value of 180.0.

Good day

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...